Sono partite le procedure per arrivare a una consistente ristrutturazione del cimitero di Rezzato.
Previsti interventi strutturali e pulizia dei marmi come riportato nell'articolo che segue.



Vi invitiamo 
Lunedì 18 marzo alle 20,30 presso l'aula magna della Scuola Vantini per un incontro di fine mandato.
Il Sindaco, Davide Giacomini, e la Giunta Comunale illustreranno il lavoro fatto in questi anni.
Sarà un'importante occasione di approfondimento e di confronto.
Vi invitiamo a partecipare e a diffondere la voce.





Lo Stato ha previsto un meccanismo, chiamato "conto termico" per incentivare gli investimenti degli enti pubblici per la riduzione dei consumi di energia e quindi la riduzione delle emissioni di gas serra. All'interno degli importanti lavori di adeguamento antisismico e ristrutturazione della scuola primaria Goini di Virle sono stati fatti anche consistenti interventi di efficientamento energetico, in particolare è stato posato un cappotto esterno alla struttura, per migliorarne l'isolamento e ridurre le dispersioni di calore.

In conseguenza di questi interventi abbiamo potuto presentare domanda di contributo attraverso il "conto termico" per 56.000 euro, che potranno essere utilizzati per fare nuovi investimenti, in un circolo virtuoso.

Da anni il Comune di Rezzato ha creato un capitolo di spesa apposito per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici pubblici, con uno stanziamento di 50.000 euro annui che si vanno ad aggiungere agli altri investimenti.




Rezzato nei Comuni Virtuosi


Il Comune di Rezzato è stato ammesso nella rete dei comuni virtuosi. Dopo una fase di istruttoria, in cui sono state vagliate le scelte dell’Amministrazione negli ultimi anni, in particolar modo in tema di sostenibilità ambientale e sociale, è stata deliberata l’ammissione di Rezzato che, a sua volta, ha sancito con l’unanimità del consiglio comunale l’adesione all’associazione di comuni nata nel 2005.
L’Associazione nazionale dei Comuni Virtuosi è una rete di Enti locali, che opera a favore di una armoniosa e sostenibile gestione dei propri Territori, diffondendo verso i cittadini nuove consapevolezze e stili di vita all’insegna della sostenibilità, sperimentando buone pratiche attraverso l’attuazione di progetti concreti, ed economicamente vantaggiosi, legati alla gestione del territorio, all’efficienza e al risparmio energetico, a nuovi stili di vita e alla partecipazione attiva dei cittadini.
“Un risultato importante- dichiara il Sindaco Davide Giacomini – che certifica la bontà delle scelte di questi anni. Rezzato presenta una situazione ambientale oggettivamente difficile e a maggior ragione le scelte dell’Amministrazione devono essere improntate al rispetto dell’ambiente. L’adesione di Rezzato ai Comuni Virtuosi potrebbe essere considerata come un prestigioso punto di arrivo ma noi la vediamo solo come una tappa intermedia, come un ulteriore stimolo a mettere in campo azioni propositive e coerenti per la tutela ambientale.”


Sono partiti da alcuni giorni i lavori di rifacimento del campo sportivo in via De Gasperi. Il campo sintetico non poteva più essere omologato a causa dell'usura e dell'età del manto erboso sintetico (oramai aveva più di 13 anni).

Il costo dell'intervento è inferiore a 350.000€ ed è sostenuto interamente dal Comune che, nell'ottica di sostenbilità sempre ricercata, è riuscito ad accedere ad un bando del credito sportivo che permetterà di azzerare gli interessi sul mutuo (risparmio pari a circa 70.000€ di interessi passivi).
A ulteriore rafforzamento della sostenibilità dell'intervento è stato anche notevolmente diminuito il contributo che verrà assegnato al gestore del campo.

Il percorso che ha portato a rendere sostenbilie l'intera operazione è stato condiviso con AC Rezzato che ha responsabilmente collaborato per raggiungere l'importante obiettivo: un campo nuovo, rispettoso delle norme FIGC, a disposizione di tanti piccoli atleti.

Comunicazione del Sindaco Giacomini



Cari Concittadini Rezzatesi, dopo aver condiviso questa scelta con le persone con le quali ho l’onore di lavorare, ritengo giusto condividere anche con tutti Voi la mia decisione di non ricandidarmi alle prossime elezioni.

Le ragioni di questa scelta, per me molto sofferta, sono di carattere meramente personale. La mia famiglia, già Splendida prima, si è arricchita di due figlie molto piccole che hanno gioiosamente ridefinito le mie priorità per i prossimi anni.
Comunemente si dice “fare il Sindaco” ma in realtà bisogna “essere il Sindaco” con tutti gli onori e gli oneri che comporta. Prima di tutto è un onore: la possibilità di fare scelte che possano migliorare la vita della comunità, il sorriso di incoraggiamento dei concittadini, la stima automatica (non sempre meritata), il saluto dereferente di alcuni, l’osservazione costruttiva di altri, la fascia tricolore, la Costituzione come stella polare.
E’ anche un onere, come è naturale che sia. Ritengo allora corretto verso di Voi condividere che è il momento, per me, di ricalibrare i tempi della vita dedicandomi alla famiglia e agli impegni professionali. Nonostante la giovane età al momento dell’elezione, ho sempre detto che la politica è una passione e non una prospettiva professionale, lo confermo con questa scelta oggi.
Questa comunicazione è personale, non è un’occasione per fare un bilancio amministrativo di questi anni, ci aspettano ancora mesi di lavoro entusiasmanti con tanti progetti da chiudere o da avviare e non verranno certo meno ora le energie e la determinazione. Ringraziamenti e saluti verranno in primavera, concludo dicendoVi ciò che già sapete: Rezzato è ricca di Primi Cittadini.
Primo Cittadino è chi dona il suo tempo agli altri, chi crea lavoro per sé e per tante altre persone, chi si dedica all’ambiente, alle persone più fragili, alla cultura, allo sport.
Ciò che più mi rimane di questi anni così intensi è l’aver conosciuto meglio persone straordinarie, veri Primi Cittadini.
Sapete che sorrido poco, ma è solo per timidezza.

Un sorriso e un abbraccio a tutti Voi. Grazie.

Davide Giacomini



E' stato approvato poche settimane fa dalla Giunta Comunale il progetto per la costruzione di un nuovo edificio dove troveranno spazio la nuova sede della protezione civile di Rezzato ed il distaccamento del COSP di Mazzano.

Il Comune ha individuato un'area di sua proprietà in via Alessandrini, dov'era collocato l'ex depuratore ora dismesso.

Qui sarà costruito un edificio adeguato dal punto di vista sismico, che diventerà il punto di riferimento sia per la protezione civile, che per i servizi di primo soccorso effettuati dal COSP con i suoi volontari e l'ambulanza.

La protezione civile avrà a disposizione circa 360 mq, per deposito materiale e mezzi, spazio per uffici, sala radio, spogliatoi, oltre all'ampio spazio esterno.

Il COSP avrà l'autorimessa per l'ambulanza, spogliatoi e spazi per la sosta dei volontari che fanno servizio anche notturno, per una superficie di circa 180 mq.

Il progetto è strutturato in modo da garantire eventuali futuri ampliamenti, nel caso fossero necessari.

Attualmente la protezione civile ha sede nella cascina Rezzoletta, di proprietà comunale, mentre il distaccamento del COSP ha un appartamento in affitto. Per i primi la nuova sede avrebbe tutti i requisiti di funzionalità e sicurezza necessari per operare in caso di emergenza, per i secondi ci sarà un risparmio sull'affitto.

La coesistenza della due sedi, l'una a fianco dell'altra, potrà facilitare anche utili collaborazioni e sinergie tra le due realtà.
Il COSP ha dato il suo assenso di massima al progetto nell'assemblea del 3 dicembre, la protezione civile il 10 dicembre.
Entrambe le associazioni hanno dato la disponibilità ad eseguire alcuni lavori e finiture, dopo che il Comune realizzerà l'edificio o lo assegnerà con un comodato d'uso gratuito pluriennale.

I prossimi passi sono la stesura di una convenzione tra il Comune e le associazioni e la progettazione esecutiva per poi affidare i lavori, che potranno così partire nel corso del 2019.
Sono già in corso le procedure di affidamento della progettazione esecutiva e della redazione della domanda da presentare alla commissione sismica regionale.
La progettazione della nuova sede è seguita dall'assessore ai Lavori Pubblici Giorgio Gallina, mentre la convenzione dall'assessore alla Protezione Civile Domenico Pasini.
Sono già previsti nel bilancio del 2018 e del 2019 i fondi necessari, pari a circa 500.000 euro.

Dichiarano al riguardo i due assessori: "La nuova sede per Protezione Civile e COSP era uno degli obiettivi più importanti per questi anni di amministrazione: siamo felicissimi che ormai ciò possa diventare una realtà, con la preziosa collaborazione  delle due associazioni, che tanto danno al nostro paese e che vogliamo per questo ringraziare. E' un traguardo importantissimo nel percorso di questi anni, in cui abbiamo puntato moltissimo sulla sicurezza dei cittadini: dall'adeguamento antismismico della scuole all'ottenimento del finanziamento per il Musia (2,2 milioni di euro), dal progetto per il Rino di Virle alla manutenzione costante di fossi e canali".



top