Aggiornamenti sulla piscina



Nel settembre scorso personale comunale ha provveduto, dopo una lunga e complessa vicenda giudiziaria (le precedenti informative sono disponibili sul sito comunale), ad entrare in modo coattivo nella piscina comunale, per riprenderne possesso.
Come annunciato allora, sono cominciati poi i numerosi adempimenti necessari per arrivare alla riapertura della struttura.

In questi mesi, in particolare:
- è stato effettuato un inventario dei beni presenti nella struttura, per verificare quali fossero di proprietà del Comune e quali della società;
- sono state riattivate le utenze (acqua, corrente elettrica, gas);
- è stata fatta una ricognizione di tutta la struttura per verificarne le condizioni e in particolare per quanto riguarda gli impianti elettrici, l'impianto idraulico e di riscaldamento, le dotazioni di sicurezza;
- una volta concluse le verifiche, sono stati fatti i progetti per la sistemazione di quanto necessario e sono in corso gli affidamenti dei lavori;
- sono state verificate e sono in aggiornamento le documentazioni tecniche ed amministrative necessarie all'autorizzazione della riapertura.

Tutti questi passaggi hanno richiesto del tempo, perché, per fare un esempio, prima di effettuare le verifiche sull'impianto elettrico è stato ovviamente necessario riattivare il contatore dell'energia precedentemente bloccato per i rapporti con la vecchia proprietà. Per affidare i lavori e servizi il Comune deve ovviamente adottare procedure ad evidenza pubblica, con tempistiche obbligatorie decisamente più lunghe e modalità più complesse rispetto alla contrattazione tra privati.

Nel frattempo, considerato che il vecchio gestore non ha onorato le rate di mutuo e che il Comune come garante se ne è dovuto fare carico, ne è stato chiesto e ottenuto il fallimento, con l'avvio di tutte le relative procedure e la nomina da parte del Tribunale di un curatore fallimentare.

Nell'ambito della procedura fallimentare sono stati chiariti aspetti molto importanti, in particolare è stato confermato che la piscina è di proprietà del Comune, che quindi può disporne, mentre nelle disponibilità del curatore fallimentare rientrano soltanto alcuni arredi.


In questi giorni partiranno i lavori in corso di sistemazione della piscina, propedeutici alla selezione un nuovo gestore, per potere finalmente arrivare alla riapertura della struttura.



Il Comune di REZZATO dal 2009 ha un sistema di raccolta dei rifiuti porta a porta che ha consentito di raggiungere importanti obiettivi ambientali, riconosciuti anche a livello nazionale. In primo luogo una percentuale di raccolta differenziata ormai stabilmente al 75%.

Il primo e principale merito va ai cittadini rezzatesi che con il loro impegno quotidiano hanno reso possibile arrivare a questo risultato. Oltre agli indubbi benefici ambientali derivanti dalla raccolta porta a porta è doveroso segnalare che anche dal punto di vista economico sono evidenti i benefici della differenziazione dei rifiuti e del nuovo appalto per la gestione degli stessi. Una famiglia che nel 2013 spendeva 150€ per la tariffa rifiuti attualmente ne spende 118€ per un risparmio pari a oltre il 20%. 




In pochi anni siamo intervenuti su quasi tutti gli edifici scolastici. Avremmo anche potuto optare per interventi più visibili ma riteniamo che la sicurezza nella scuola debba essere al primo posto. Ecco alcuni informazioni sugli interventi che verranno eseguiti sul plesso scolastico Aldo Moro.



top