Resoconto Consiglio comunale 16 luglio 2012


Il resoconto del Consiglio comunale del 16 luglio 2012:

Surroga consigliere comunale dimissionario Apostoli
A seguito della dimissioni da consigliere di Marco Apostoli, a cui va il ringraziamento di tutta Rezzato Democratica per il lavoro svolto in questi anni, subentra Eliana Mor.

Piano Regolatore Cimiteriale di Rezzato: adozione
Il piano disciplina aspetti gestionali dei cimiteri e prevede i futuri ampliamenti su quali aree potranno essere fatti e quali servizi dovranno contenere.
Illustra l'assessore Arici. Voto unanime favorevole. APPROVATO


Adozione del Piano di Governo del Territorio (PGT)
Il Piano è frutto, oltre che del lavoro di tecnici ed amministratori, dei contributi di cittadini ed associazioni, coinvolti in tutto il percorso tramite questionari, assemblee e incontri specifici, ben oltre ai criteri minimi di partecipazione che la legge prescrive.
Il PGT persegue obiettivi ambiziosi e compie scelte forti:
- ridurre al minimo il consumo di suolo, andando soltanto dove serve ad intervenire per garantire servizi importanti o a ridefinire previsioni del vecchio PRG non ancora attuate e non cancellabili, a volte in riduzione e sempre con un lavoro certosino, teso a migliorarne le modalità di attuazione;
- favorire il recupero degli edifici esistenti con criteri che ne migliorino la qualità;
- tutelare i centri storici e le cascine storiche, la collina e la campagna;
- grande importanza al verde, alla piantumazione di alberi ed al paesaggio, sia per motivi estetici e di vivibilità, che di miglioramento della qualità dell’aria;
- le nuove costruzioni dovranno essere almeno in classe energetica B;
- riqualificazione dei servizi esistenti, l’acquisizione di un’area per un futuro possibile polo scolastico in caso di necessità, la creazione di spazi pubblici nella cascina Rezzoletta e nell’ex centro sociale in Piazza Vantini ed interventi su Virle;
- ridurre il traffico di attraversamento del paese, rendere più sicuro spostarsi a piedi e favorire gli spostamenti in bicicletta, con nuove piste ciclabili e posteggi per bici.
Il PGT sarà ora messo a disposizione di tutti, sia negli uffici che sul sito internet, per la consultazione e la presentazione di osservazioni: i termini saranno fatti iniziare da fine agosto e non da subito, proprio per evitare che questa importante fase cada durante le ferie e tutti possano esprimersi.
Alcuni consiglieri hanno dovuto lasciare l'aula per motivi legati a potenziali conflitti di interesse, mentre Rezzato delle Libertà e Lega Nord hanno abbandonato il Consiglio prima dell'illustrazione del PGT e della discussione, criticando il fatto che non avrebbero potuto contribuire alla redazione del piano, ma, così facendo, perdendo un'occasione proprio di potere contribuire.
Illustra l'assessore Gallina. Rezzato Democratica favorevole, Uniti per Rezzato assente, Rezzato delle Libertà usciti dall'aula, Lega Nord usciti dall'aula. APPROVATO


Mozioni, interpellanze, interrogazioni
E' stata presentata da RdL e LN un'interrogazione su un'area di proprietà privata ed oggetto di abuso edilizio circo vent'anno fa, a seguito della recente sentenza di fine aprile che da finalmente ragione in modo definitivo al Comune, che ora diventa proprietario di metà dell'area.
Il Sindaco ha illustrato tutte le azioni intraprese in poco più di due mesi: incontri e colloqui con vigili, carabinieri e prefetto, proponendo a quest'ultimo l'organizzazione dello sgombero di quello che è divenuto una specie di campo nomadi abusivo, ma il prefetto non ha mostrato la propria disponibilità a supportare il Comune in un'azione decisa di ripristino della legalità.

Rezzato: approvato il nuovo Pgt


LA PROVINCIA CHE CAMBIA
rezzato
Rezzato: approvato il nuovo Pgt
E’ stato adottato ieri 16 luglio dal Consiglio comunale il nuovo Piano di Governo del Territorio (PGT) di Rezzato che disegna il futuro del paese e le linee di sviluppo della comunità. Il Piano è frutto, oltre che del lavoro di tecnici ed amministratori, dei contributi di cittadini ed associazioni, coinvolti in tutto il percorso tramite questionari, assemblee e incontri specifici, ben oltre ai criteri minimi di partecipazione che la legge prescrive.

Un PGT, quello di Rezzato, che persegue obiettivi ambiziosi e compie scelte forti, quali ridurre al minimo il consumo di suolo, andando soltanto dove serve ad intervenire per garantire servizi importanti o a ridefinire previsioni del vecchio PRG non ancora attuate e non cancellabili, a volte in riduzione e sempre con un lavoro certosino, teso a migliorarne le modalità di attuazione.
Il piano spinge perciò verso il recupero degli edifici esistenti con criteri che ne migliorino la qualità, tutelando i centri storici e le cascine storiche, la collina e la campagna, patrimoni fondamentali dell’identità locale e delle radici della comunità. Grande importanza è data poi al verde, alla piantumazione di alberi ed al paesaggio, sia per motivi estetici e di vivibilità, che di miglioramento della qualità dell’aria, sicuramente una delle priorità che l’Amministrazione si è data, trasversale tra diversi settori.

Sempre sul fronte della lotta all’inquinamento, si prevede che le nuove costruzioni debbano essere almeno in classe energetica B: una scelta che pone Rezzato al pari delle più avanzate esperienze del nord Europa e che spinge nella direzione di una economia più verde ed attenta al consumo di risorse, unica soluzione duratura per uscire dalla crisi economica e sociale.
Partendo da un’analisi minuziosa dei servizi esistenti, che sono mediamente su livelli già eccellenti, il piano suggerisce la riqualificazione dell’esistente, l’acquisizione di un’area per un futuro possibile polo scolastico in caso di necessità, la creazione di spazi pubblici nella cascina Rezzoletta e nell’ex centro sociale in Piazza Vantini ed interventi su Virle, pur sottolineando come i vincoli economici dei tagli e del patto di stabilità rendano di difficile realizzazione questi progetti.
Un capitolo centrale del PGT è quello della mobilità: si punta a ridurre il traffico di attraversamento del paese, a rendere più sicuro spostarsi a piedi e a favorire gli spostamenti in bicicletta, con nuove piste ciclabili da collegare in rete ed anche con idee e strumenti innovativi, come la previsione per le nuove costruzioni di spazi per il posteggio delle bici.
“Un PGT che punta ad uno sviluppo più equilibrato, sostenibile, attento alle persone ed alla qualità della vita, senza proclami vuoti, ma con tante decisioni concrete: è un traguardo fondamentale, ma è anche l’inizio di un lavoro quotidiano di attuazione, da portare avanti con decisione” , sottolinea l’assessore all’urbanistica Giorgio Gallina, che ricorda inoltre l’importanza della trasparenza e della partecipazione dei cittadini. “Oltre a quanto già fatto, il PGT sarà ora messo a disposizione di tutti, sia negli uffici che sul sito internet, per la consultazione e la presentazione di osservazioni: i termini saranno fatti iniziare da fine agosto e non da subito, proprio per evitare che questa importante fase cada durante le ferie e tutti possano esprimersi”. 
L’appuntamento è ora per settembre, quando sarà fatta un’altra iniziativa per scoprire il paese e come il PGT lo ridisegna, prima dell’approvazione definitiva del piano, prevista per fine anno. 


RIFIUTI E AMBIENTE
raccolta differenziata
Rezzato re dei comuni ricicloni
Nella classifica dei comuni ricicloni stilata ogni anno da Legambiente, Rezzato si è posizionato, primo tra i comuni lombardi sopra i 10.000 abitanti, al trentesimo posto per l’area “nord Italia”. La graduatoria redatta dall’associazione ambientalista prende in considerazione i dati relativi alla raccolta differenziata (giunta nel  rezzatese oltre il 75%) e altri parametri legati alle scelte ecosostenibili operate dai comuni (acquisti verdi, incentivi all’uso di pannolini lavabili, utilizzo di stoviglie riutilizzabili, ecc…).  Il primo e principale ringraziamento va ai cittadini rezzatesi che con il loro impegno quotidiano hanno reso possibile arrivare a questo risultato,  fondamentale per  la salvaguardia del territorio, già troppo segnato dalle numerose discariche presenti nel bresciano. Oltre agli indubbi benefici ambientali derivanti dalla raccolta porta a porta è doveroso segnalare che anche dal punto di vista economico iniziano a rendersi evidenti i benefici, soprattutto prospettici, della differenziazione dei rifiuti: senza l’aumento dell’addizionale provinciale dall’1 al 5% per quest’anno ci sarebbe stato un calo delle tariffe sia per le utenze domestiche, sia per le non domestiche. Il risultato raggiunto non è considerato dall’amministrazione come un punto di arrivo ma come uno stimolo a migliorare ulteriormente: ci sono ancora margini per aumentare la percentuale di rifiuti differenziati e ridurre i rifiuti prodotti. Da quest’anno, infatti, partirà anche una forte campagna a sostegno dell’utilizzo dei pannolini lavabili.
L’impegno dell’amministrazione comunale per scelte ambientali lungimiranti ed economicamente sostenibili non si ferma qui, dopo: i pannelli fotovoltaici posizionati su alcune scuole, la promozione del gruppo di acquisto fotovoltaico, la presentazione di un PGT con un consumo di suolo prossimo allo zero, stringenti regole relative all’efficienza energetica dei nuovi edifici e l’impegno costante nella piantumazione in diverse aree del paese vogliamo anche continuare sulla strada della riduzione dei consumi energetici degli uffici comunali, la promozione di campagne volte alla riduzione dei rifiuti, lo sviluppo delle piste ciclabili e la sostituzione graduale del sistema di illuminazione comunale con tecnologie innovative. Proprio a questo riguardo è importante segnalare come il patto di stabilità non consenta di utilizzare delle risorse che il comune ha già incassato e che avrebbe potuto investire nell’ammodernamento dei punti luce, con benefici ambientali, economici e di efficienza del servizio.


http://www.bsnews.it/notizia.php?id=17821

Resoconto Consiglio comunale 28 giugno 2012

Ecco il resoconto del Consiglio comunale del 28 giugno 2012:

Servizi Pubblici a domanda individuale – Disciplina generale delle tariffe dei beni e dei servizi per l’anno 2012
La trattazione è stata fatta su tutti gli aspetti di bilancio, complessivamente, quindi si rimanda al punto successivo per la sintesi.
Illustra l'assessore Giacomini. Rezzato Democratica favorevole, Uniti per Rezzato astenuto, Rezzato delle Libertà astenuti, Lega Nord astenuti. APPROVATO

- Conferma per l’anno 2012 della misura dell’aliquota dell’addizionale Comunale all’IRPEF e della soglia di esenzione
- Imposta Municipale Propria I.M.U. – Determinazione delle aliquote e delle detrazioni per l’anno 2012
- Esame ed approvazione del bilancio di previsione per l’anno 2012 della relazione previsionale e programmatica 2012 – 2014, del bilancio pluriennale per il triennio 2012 - 2014

Il punto di partenza per parlare di bilancio sono i dati oggettivi: negli ultimi anni da parte dello Stato tagli per 1.150.000€ e 700.000€ bloccati dal patto di stabilità, uniti alla crisi economica che tutti stiamo vivendo: è chiaro come sia delicato ed impegnativo fare il bilancio.
Le scelte forti alla base del bilancio di Rezzato sono: 1. grande attenzione alla qualità della spesa, valutando dove ogni singolo euro viene speso e dove è possibile risparmiare; 2. mantenimento dei servizi sociali, perchè è nei momenti di crisi come questi che il loro ruolo a favore dei più deboli e della coesione di tutta la comunità che è ancora più importante; 2. garantire la sostenibilità dei conti comunali nel lungo termine.
Come è stato fatto questo? Come si diceva, risparmiando con grande cura dove era possibile, riducendo i debiti (di oltre 2,5 milioni di euro in 2 anni!), non gravando sui servizi a domanda individuale, mantenendo ferma l'addizionale IRPEF con una forte esenzione (15.000€), mantenendo per l'IMU sulla 1° casa l'aliquota base stabilita dallo Stato (0,4%) e fissando allo 0,98% quella su seconde case/capannoni/edifici commerciali.
Il doloroso e, purtroppo necessario, aumento delle tasse dovuto all'IMU è però minore dei tagli subiti: significa che il Comune sta risparmiando, prima di chiedere soldi ai cittadini e li chiede solo per cose essenziali.
Il revisore ha confermato che il bilancio rispetta tutti i principi e le norme, rispetta il patto di stabilità, riduce il debito a valori molto bassi, inferiori alla media dei Comuni bresciani.
Illustra l'assessore Giacomini. Rezzato Democratica favorevole, Uniti per Rezzato contrario, Rezzato delle Libertà contrari, Lega Nord contrari. APPROVATO

Approvazione del Piano Socio Assistenziale, del Regolamento per l’individuazione delle condizioni economiche per l’accesso alle prestazioni agevolate e del verbale di accordo tra il Comune di Rezzato ed i Sindacati dei Pensionati Bresciani di Rezzato SPI – CGIL, FNP-CISL e UILP-UIL per l’anno 2012.
Come ogni anno, i servizi sociali sono stati passati alla lente di ingrandimento, per verificare l'utilità di ciascuno e l'eventuale necessità di rivederli, per mantenerli sempre di massima utilità, con il minimo della spesa possibile. Un grazie è andato da parte dell'assessore ai numerosi volontari che in questo campo collaborano con l'Amministrazione. Confermato l'accordo con agevolazione per gli anziani.
Illustra l'assessore Marzaroli. Rezzato Democratica favorevole, Uniti per Rezzato astenuto, Rezzato delle Libertà contrari, Lega Nord contrari. APPROVATO

Rideterminazione dei gettoni di presenza delle sedute del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari ex art. 82 D.Lgs 267/2000
Riduzione dei gettoni di presenza, portati a € 20 per seduta.
Illustra il Sindaco. APPROVATO


Approvazione del Regolamento sulle Sponsorizzazioni
Un regolamento che permetterà di mettere a bando la manutenzione delle rotonde e di altri spazi verdi da parte di privati: un altro modo per alleggerire i costi del Comune.
Illustra l'assessore Pasini. Voto favorevole unanime. APPROVATO

Approvazione Programma Lavori Pubblici triennio 2012/2014 ed elenco annuale 2012
Gli interventi, nel limite delle poche risorse disponibili, si concentreranno su: manutenzione patrimonio esistente, interventi su tetti di stadio e bocciodromo a costo zero grazie alla posa di pannelli fotovoltaici, sistemazione scuole, rotatoria Treponti, riqualificazione Virle, alcuni rallentatori per rendere pi sicure le nostre strade.
Illustra l'assessore Arici. Rezzato Democratica favorevole, Uniti per Rezzato contrario, Rezzato delle Libertà contrari, Lega Nord contrari. APPROVATO

Approvazione definitiva permessi di costruire in variante allo strumento urbanistico vigente P.G.R., ai sensi dell’art. 8 del D.P.R. 160/2010 e s.m.i. per la realizzazione di un nuovo insediamento produttivo, terziario – direzionale e commerciale in loc. Treponti, promosso dalla società Lamifer S.p.a
L'intervento, da alcuni anni in discussione, prevede la realizzazione di 2 magazzini di attività produttive, un'attività di servizi alle imprese ed un'attività commerciale, completando l'area produttiva di Treponti e portando alla comunità opere esterne al comparto per circa 2 milioni di euro (rotonda Treponti, riqualificazione tratto rimanente di via Leonardo da Vinci, piantumazione 1200 alberi, altri vari interventi nella zona Virle/Treponti.
Il dibattito su questo punto è stato abbastanza acceso: come per ogni punto, per gli interessati, il verbale integrale sarà disponibile sul sito del Comune.
Illustra il Sindaco. Rezzato Democratica favorevole (con eccezione di Apostoli e Ferrari Aggradi, astenuti), Uniti per Rezzato contrario, Rezzato delle Libertà contrari, Lega Nord contrari. APPROVATO

Nuova viabilità di collegamento tra la ex SS11 (via Treponti) e la zona produttiva di via Napoleonica – approvazione progetto preliminare, con contestuale adozione di variante al P.R.G. ai sensi art. 2 ex L.R. 23/97, per apposizione del vincolo preordinato all’esproprio.
Nuova viabilità realizzata a spese dell'intervento di cui al punto prima, che andrà a servire l'area produttiva/artigianale di Treponti.
Illustra il Sindaco. Rezzato Democratica favorevole (con eccezione di Apostoli e Ferrari Aggradi astenuti), Uniti per Rezzato contrario, Rezzato delle Libertà contrari, Lega Nord contrari. APPROVATO

Piano di recupero ad uso residenziale dell’immobile denominato “ex Cascina Rezzola”, in via Rezzole di proprietà dei Sigg. Negrinelli Giuseppe e Negrinelli Rosa Proroga termini di esecuzione delle opere di urbanizzazione.
Proroga di una convenzione in essere, che permetterà di avere un tratto di pista ciclabile lungo via Rezzole.
Illustra il Sindaco. Rezzato Democratica favorevole, Uniti per Rezzato astenuto, Rezzato delle Libertà favorevoli, Lega Nord favorevoli. APPROVATO

Approvazione del “Piano delle Alienazioni e valorizzazioni immobiliari” relativo al Triennio 2012 – 2014, ai sensi dell’art. 58 del D.L.112/2008, convertito in legge n. 133 del 6.8.2008.
E' prevista la vendita delle aree comunali già edificabili all'interno del Comparto 1.
Illustra il Sindaco. Rezzato Democratica favorevole, Uniti per Rezzato contrario, Rezzato delle Libertà astenuti, Lega Nord astenuti. APPROVATO

Tariffa di Igiene Urbana Ambientale per l’anno 2012 – Approvazione del Piano Finanziario.
Il piano finanziario dimostra che i costi della raccolta e gestione dei rifiuti a Rezzato sono in leggero calo, purtroppo l'incremento della tassa provinciale (dal 1% al 5%!), si mangerà tutti i risparmi avuti e permetterà soltanto di mantenere stabile la tariffa a carico di cittadini ed imprese. Partirà a breve una campagna a favore dei pannolini lavabili, per ridurre la quota di rifiuto indifferenziato (i pannolini attualmente costituiscono più di un quarto dell'indifferenziato di Rezzato!).
Illustra l'assessore Ogna. Rezzato Democratica favorevole, Uniti per Rezzato contrario, Rezzato delle Libertà contrari, Lega Nord contrari. APPROVATO

Proposta di un tavolo di lavoro tematico sulla cittadinanza
Un tavolo, aperto ad associazioni e singoli, sul tema della cittadinanza: tutti sono invitati a manifestare il loro interesse, parlando con l'assessore Donneschi o con gli uffici.
Illustra l'assessore Donneschi. Rezzato Democratica favorevole, Uniti per Rezzato favorevole, Rezzato delle Libertà astenuti, Lega Nord astenuti. APPROVATO
top